DUE GIORNI A PORTO

CONSIGLI E CURIOSITA' SU COSA FARE E COSA VEDERE NELLA SPLENDIDA CITTA' PORTOGHESE.


Se siete alla ricerca di una città interessante, economica e visitabile in un weekend, Porto è la scelta giusta.

Ovvio, i posti vanno vissuti e respirati appieno, e più giorni si hanno a disposizione e meglio è, ovunque si decida di andare.

In particolare credo che il Portogallo vada visitato da cima a fondo, e con calma. Motivo per il quale l’ho sempre tenuto da parte, in attesa di portergli dedicare tutto il tempo che merita.

E’ arrivato però anche quest’anno il lungo e freddo inverno, stagione per eccellenza durante la quale prenoto e pianifico viaggi più di qualunque altra cosa. Per lo più di sera, dopo una lunga giornata di lavoro, fantasticando tra mappe, foto, libri di viaggio e articoli dei mie travel bloggers di riferimento.

E proprio durante una di queste sere mi è venuta voglia iniziare ad assaporare un po’ di terra lusitana, in una delle mie tante toccate e fuga che normalmente faccio durante i weekend primaverili, non potendomi per adesso concedermi lunghi viaggi durante quei mesi dell'anno.

Ho pensato subito a Lisbona. Ma dopo una breve riflessione, due giorni per esplorare con calma la capitale mi son sembrati davvero troppo pochi. Non volevo correre, volevo una location portoghese da godermi il più possibile in poco più di 48 ore, per farmi un’idea, e magari raccogliere spunti e stimoli per un viaggio futuro più lungo.

Ho pensato poi a Faro, e in generale ad un week end nelll’Algarve, la regione meridionale del Portogallo. Difficile però per un weekend, troppi spostamenti e troppo tempo per raggiungerla , e non avrei fatto in tempo ad arrivare che sarei dovuto ripartire dopo poco. Che senso avrebbe avuto?

E allora la scelta come mio debutto in Portogallo non poteva che ricadere su Porto.

Una città estremamente a misura d’uomo e visitabile interamente a piedi, ricca di storia e di spunti interessanti. A partire dal bellissimo centro storico Ribeirapatrimonio UNESCO, passando per la cattedrale, i coloratissimi azulejos, la Torre Dos Clerigos e l’imponente ponte Dom Luis I, impreziosita dalla squisitezza del suo vino locale, il famoso Porto appunto, e da altre specialità culinarie deliziose.

E, per concludere, con l’Oceano Atlantico sullo sfondo, a pochissimi chilometri di distanza dal centro, e che percepisci in ogni angolo della città, incorniciando uno scenario suggestivo, oserei direi romantico.

Se poi aggiungiamo a tutto ciò anche dei buoni voli economici, ad esempio partendo da BergamoMalpensa o da Roma, allora il gioco è fatto : biglietto acquistato in pochi minuti, dal 5 al 7 Aprile, andata e ritorno dall’Aeroporto di MIlano Malpensa. Circa un mese e mezzo prima, al costo di 80 euro (successivamente ho dovuto aggiungere un extra per il bagaglio, date le nuove regole imposte dalla famosa compagnia aerea low cost irlandese, ma tant’è).

In questo articolo vi racconto in breve quello che ho combinato durante il mio breve soggiorno a Porto, lasciandovi qua a là qualche chicca e qualche consiglio per cercare di ottimizzare al meglio la visita in due soli giorni.

Pronti! Si parte!


GIORNO 1. 5 APRILE 2019

Sono arrivato la sera del 5 Aprile, intorno alle 23, presso l’ aeroporto  Francisco Sa Carneiro, che dista circa 11 chilometri da Porto. Da lì è facilissimo raggiungere il centro della città in metropolitana, prendendo la linea viola e acquistando il biglietto per la zona Z4 nelle apposite macchinette che si trovano facilmente nei pressi dei binari, al costo di 2 euro a tratta.

mappa 1PNG 

Salito a bordo del vagone della metro subito dopo l’atterraggio (giusto il tempo di ritirare il mio bagaglio), in poco meno di mezz’ora sono giunto alla fermata di Bolhão, nel cuore della città, a poche centinaia di metri dalla stazione centrale di São Bento e dal quartiere Ribeira, di cui vi parlerò più avanti.

Il mio alloggio per questo weekend è stato l’affittacamere GuesteHouse 31 Rio de Janeiro. Onestamente senza infamia e senza lode, una struttura abbastanza vecchiotta e senza colazione (ottimo però il bar proprio nell'edifico di fianco), ma molto pulito e con una receptionist aperta 24h.

E soprattutto è stato un alloggio estremamente comodo ed economico : si trova proprio a due minuti a piedi dalla stazione, e quasi tutti i principali luoghi di interesse più noti sono raggiungibili a piedi facilmente. A me interessava proprio questo, più che una camera bella e chic. 

Ho pagato 40 euro per due notti con una camera singola grande e un bagno in condivisione con un’ altra camera. Ripeto, se cercate maggiore comodità e qualcosa di più nuovo, non lo consiglio. Se siete invece di poche pretese e viaggiatori solitari e risparmiatori come me, allora è l’ideale.

Dalla fermata della metro Bolhão, in cinque minuti a piedi sono arrivato in ostello, attraversando la Rua de Santa Catarina, a quell’ora deserta, ma nella quale di giorno si riversano molte persone, sia visitatori che residenti. E’ piena di negozi e di caffetterie, tra le quali brilla sicuramente il Majestic Cafè, il più celebre e storico della città.  Superato il caffè, dopo poche decine di metri si arriva all’incrocio con Rua Rio de Janerio e quindi all’ostello. Colazione per il giorno dopo già prenotata, insomma, data l'estrema vicinanza al caffè.

Fatto il check-in e sistemato in camera, sono andato a dormire subito, per svegliarmi presto l’indomani e iniziare il mio tour nella città.


GIORNO 2. 6 APRILE 2019

MAPPA 2PNG

Il percorso della mattinata

Come detto, la mia giornata è iniziata con la colazione/visita presso il Cafè Majestic.

IMG_6184JPG

Cafè Majestic

Più che un bar è una sala da thè storica, e merita anche solo di entrare due minuti per vederla e scattare qualche foto. Io mi sono tolto il lusso di ordinare un cappuccino e una fetta di torta alle mele. Vi risparmio il conto, davvero troppo salato per essere in Portogallo. Ma tranquilli, è stato l’unico di questa portata.

20190406_093508jpgPurtroppo le previsioni meteo da giorni non erano incoraggianti, ed effettivamente il clima è stato imprevedibile ed estremamente variabile durante tutto il weekend. Fortunatamente sabato ha retto abbastanza, con rovesci brevi intervallati da ampi rasserenamenti, che mi hanno comunque permesso di visitare tranquillamente e di godermi la città. Al contrario, la domenica è stata molto più piovosa, ma ne parlerò più avanti.

Approfittando di un tiepido Sole di prima mattina, ho iniziato il mio perlustramento a piedi, risalendo la Rua de Santa Catarina fino a raggiungere il famoso mercado do Bolhão, altro luogo storico della città. Scoprendo purtroppo solo una volta giunto a destinazione che è chiuso da diverso tempo per lavori di ristrutturazione. 

20190406_112410jpg 
Mercado do Bolhão

E’ stata una delusione enorme! ma pazienza. Primo motivo valido per tornare a Porto in futuro.

Ne ho approfittato per fermarmi a prendere uno snack salato presso un altro locale imperdibile, ovvero la Confetaira do Bolhão

IMG_6233JPG
  Confetaira do Bolhão

Si tratta di una pasticceria storia del quartiere, dall'impronta totalmente diversa rispetto al Cafè Majestic. Ubicata proprio di fronte il mercato ahimè chiuso, si presenta subito a prima occhiata molto più informale. Decisamente diversi i prezzi e le dimensioni dei dolci e degli altri snack salati proposti in vetrina. Possiede poi un ampia sala in fondo con con sedie e tavoli, nella quale è possibile consumare un'abbondante colazione o anche un rapido pranzo.

20190406_112425_Moment_Moment_Momentjpg 

Ho acquistato un panzerotto al formaggio strabordante che mi ispirava particolarmente, alla modica cifra di ottanta centesimi. Delizioso, e la delusione per non aver potuto visitare il mercato è scivolata via rapidamente.

20190406_112732jpg 

In ogni caso consiglio una sosta in entrambi in caffè, se siete in zona e avete tempo. Sono molto vicini e allo stesso tempo molto diversi, quindi interessanti, perchè danno subito l'idea di una città pratica e alla mano, e contemporaneamente variegata e affascinante.

Successivamente ho attraversato  per metà l' Avenida dos Aliados, un lungo e largo viale che scende in verticale fino alla stazione di São Bento, per poi girare a destra e raggiungere la Libreria Lello, diventata da alcuni anni molto famosa grazie ai romanzi della saga di Harry Potter e alla loro trasposizione cinematografica. 

IMG_6252JPG 
Avenida dos Aliados

Un grandissimo successo planetario della scrittrice inglese J.W.Rowling, che soggiornò diversi anni proprio nella città lusitana. Lei stessa ha più volte affermato di essere stata molto ispirata da Porto, a partire dall'affascinante centro storico, passando poi per luoghi più mirati particolari, come per l'appunto questa libreria.


20190406_110203jpg 

Libreria Lello

E appena entrati si intuisce subito il motivo. La maestosa scala di legno rossa e marrone che occupa il centro della scena, ti rapisce. E ti fa subito pensare alle ambientazioni della storia del maghetto più famoso del mondo.

20190406_101440jpg 

IMG_6218JPG 

Detto questo, passiamo alle note dolenti. La libreria è diventata una meta fin troppo gettonata, ogni giorno e ad ogni ora, così piena di gente che risulta davvero faticoso entrare e visitarla. Un continuo di selfies e scatti in posa, sopra, sotto e di lato alla scalinata, e pochissimi invece che si soffermano a sfogliare anche un solo libro. Questa cosa mi ha colpito e infastidito parecchio.

20190406_102809jpg 

Morale : ho resistito si e no 15 minuti, comprando l'unico romanzo presente nella libreria di cui è disponibile la versione in italiano, ovvero "Il Messaggio" di Fernando Pessoa. Un romanzo epico con il quale l'autore racconta e canta la passata grandezza del suo Paese. Un'opera dedicata al Portogallo e che vi consiglio.

20190406_102344_Moment_Momentjpg 

Aggiungo solo che il costo del biglietto per visitare la libreria è di 5 euro, che però possono essere in caso rimborsati se si acquista un articolo all'interno, come ho fatto io.


MAPPA 3PNG

Il percorso di metà giornata

Uscito da quella bolgia di persone, ho sentito subito l'esigenza di respirare una bella boccata d'aria e mi sono recato nella vicina Torre dos Clerigos

IMG_6261JPG

Chiesa dos Clerigos  e  Torre dos Clerigos

Dista davvero pochissimi minuti a piedi dalla libreria, ed è uno dei simboli della città. Costruita, insieme all'omonima Chiesa dos Clerigos ,in pietra nel XVIII secolo in pieno stile barocco, è alta 76 metri ed è attraversata da una scala a chiocciola strettissima di 225 gradini. E dalla sua cima si ha una delle viste panoramiche a 360° più belle di tutta Porto.

IMG_6270JPG 
Vista panoramica dalla cima della  Torre dos Clerigos

Sebbene la salita possa effettivamente risultare impegnativa, non tanto per il numero di gradini quanto per la striminzita scaletta, decisamente stretta e ostinatamente a doppio senso, il risultato che si ottiene una volta arrivati su ne vale decisamente lo sforzo.

Tutto questo anche in caso di vento e di cielo minacciosi, e io ne sono testimone. Sono riuscito difatti a godermi lo spettacolo appena in tempo. Sia perchè, subito dopo la mia salita, sono stato raggiunto da una mandria di turisti giapponesi esaltatissimi, ma soprattutto perchè, dopo circa una quindicina di minuti, è sopraggiunto un violento acquazzone, giusto per ricordare a me e a tutti gli altri turisti quali fossero le previsioni meteorologiche infauste del weekend.

Poco male, nel frattempo si era fatta ora di pranzo,e ne ho approfittato per assaggiare una dei piatti tipici di Porto : la Francesinha.

20190406_133516jpg 
La mia Francesinha nel ristorante  Casa Bragança

Come posso descriverla : direi un enorme "mappazzone", citando il celebre chef Bruno Barbieri del programma televisivo Masterchef. Un mix di carne bianca e rossa, inviluppato in un altrettanto ingarbugliato mix di formaggi, adagiato su un brodetto indefinito. Il tutto ricoperto di uova e patatine fritte. #ciaomagri #leggerezza #dietadomani

Il ristorante dove ho pranzato si chiama  Casa Bragança . Un localino molto semplice ed economico, proprio di fronte la torre. Molto frequentato dai turisti ma anche dai residenti e dai lavoratori, perchè propone nel menù anche piatti unici per pranzi veloci e pratici. Difatti, l'ho trovato già pieno non appena sono arrivato, di corsa e sotto il diluvio, e con diverse persone in fila per attendere un tavolo. 

Una delle fortune di viaggiare da soli vien fuori proprio durante situazioni simili. Il titolare mi ha proposto di condividere il tavolo con un' anziana signora, già impegnata a consumare il suo pasto, e io ho subito accettato senza esitare.

Ed è così che mi sono ritrovato a mangiare una francesinha in compagnia di una piccola nonnina portoghese, e anche molto chiacchierona. Peccato che mi ha parlato tutto il tempo in portoghese e ho solo intuito alcuni dei suoi discorsi, ma tant'è. Mi è stata di compagnia, consigliandomi anche un vino rosso niente male, di cui però non ho mai saputo il nome, ordinandolo direttamente lei per me! #obrigadononnina. 

Giudizio sulla Francesinha? Uhm...bella pesantina! 

Mi astengo da dare un voto, però andava assaggiata. Cerco sempre di assaggiare pietanze e prodotti tipici dei luoghi che visito, e fatelo anche voi, ve lo consiglio. Diciamo che questo è il caso per il quale difficilmente concederò un bis in futuro, ecco! #thankyounext

Terminato il pranzo sono andato a visitare la stazione São Bento

IMG_6356JPG

stazione São Bento

Oltre ad essere la stazione ferroviaria principale della città, è anche un vero e proprio gioiello di architettura, impreziosita dai bellissimi, celebri e bluissimi azulejosle tipiche piastrelle di ceramica che ricoprono gran parte delle facciate interne della stazione, e di molti edifici del centro storico. 

20190406_120541jpg

20190406_120341jpg

Bellissimi, davvero. Sebbene trattasi solo di una stazione, merita assolutamente una visita anche solo per ammirarla qualche minuto.

20190406_115148jpg

Dopo questo primo minitour, ho deciso che ne avevo abbastanza di tutti quei turisti. Cercando nella guida, e passeggiando per le vie del centro non lontano dalla Torre dos Clerigos, mi sono imbattuto nel Centro di Fotografia Portoghese

IMG_6319JPG

E' stata una vera sorpresa, e che consiglio!


IMG_6292JPG

Trattasi di un edificio storico in passato utilizzato come carcere, completamente ristrutturato al suo interno; un ambiente un po' scuro ma allo stesso tempo calmo e silenzioso, perciò rilassante.

IMG_6296JPG

Si sviluppa su due livelli : al piano terra sono presenti solitamente mostre ed esposizioni temporanee di fotografi portoghesi emergenti. Al piano superiore invece è presente una interessante mostra permanente di macchine fotografiche d'epoca, alcune davvero insolite e bizzarre, come delle spycam di inizi Novecento, che mi hanno colpito particolarmente.

20190406_151355jpg

20190406_151516jpg

Abituati ormai a reflex e obiettivi ultra sofisticati, go-pro, droni d'avanguardia e smartphone, questi autentici cimeli sembrano davvero appartenere alla preistoria, quando in realtà bisogna ricordare che alcuni di loro erano strumenti più che comuni fino a qualche decennio fa.
20190406_151234jpg

20190406_151203jpg

Ho trascorso un'oretta molto piacevole in questo museo, lontano dalle folle oceaniche e dai luoghi turistici più gettonati della città. Un break che consiglio, sopratutto se colti da temporali improvvisi come è accaduto a me. #takeabreak

IMG_6282JPG

Jardim da Cordoaria

A sorpresa però, dopo questa piacevole visita museale e una rigenerante passeggiata lungo i viali del delizioso Jardim da Cordoaria,  il Sole è tornato a fare capolino tra le nuvole, illuminando con i suoi deboli raggi primaverili tutta la Ribeira#tantoescesempreilsole

IMG_6405JPG

il centro storico  Ribeira

La Ribeira è il quartiere storico della città, dichiarato dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità nel 1996, per le sue caratteristiche che lo rendono unico nel suo genere. Un insieme di strade e viuzze strettissime che si inerpicano su un colle situato sulla sponda destra del fiume Duoro, il quale attraversa la città prima di sfociare nell' Oceano Atlantico.

Il mio primo impatto con questo capolavoro di architettura l'ho avuto intorno alle 16. Passeggiando senza meta, mi sono imbattuto in uno dei Miradores più belli e suggestivi di Porto, il Miradouro da Vitoria.


IMG_6333JPG

Trattasi di ampio spiazzale dal quale è possibile ammirare un panorama mozzafiato sulla città in generale, e sulla Ribeira in particolare, offrendo la possibilità di percepire appieno tutti i colori e le sfumature delle sue casette e dei monumenti principali.

E' stato davvero bello affacciarmi da quel belvedere, soprattutto perchè capitato per caso, non l'ho cercato. 

Quando si viaggia, le scoperte inaspettate sono sempre quelle che ti rimangono impresse di più e che ti lasciano il segno. Come in questa occasione.

Sono rimasto lì una buona mezz'ora, complice il Sole sempre più presente, in contrasto con i grossi nuvoloni neri all'orizzonte. 

20190406_160102jpg

A scattare foto, fare qualche video, e anche semplicemente seduto su un muretto di fronte al panorama.


MAPPA 4PNG

Il percorso del pomeriggio

Successivamente mi sono spostato verso la Cattedrale Sè Do Porto. Un autentico capolavoro, alla quale però ho deciso di dedicare il giusto tempo che merita, visitandola domenica mattina, con calma.

20190406_164629jpg

Cattedrale di Porto

Perciò, dopo aver ammirato la splendida facciata, ho intrapreso una scalinata ripida in discesa, gettandomi letteralmente a capofitto tra le viuzze strette e caratteristiche della Ribeira, diretto verso il Ponte Dom Luis I, altro simbolo indiscusso di Porto. 

IMG_6383JPG

Ponte Dom Luis I

Un ponte ad arco in ferro, lungo ben 385 metri a alto 45. Non è l'unico ponte della città, ma certamente il più grande e il più bello, proprio a ridosso del centro storico. Varca il fiume Duoro e collega il centro con il quartiere ViIa Nova de Gaia, la mia meta finale di giornata.

IMG_6393JPG


Questo quartiere è caratterizzato da una bellissima via pedonale lungo la riva del fiume, dove si susseguono una dopo l'altra tutte le più importanti cantine vinicole del celebre Porto, il delizioso vino liquoroso della città.

IMG_6400 2jpg

Non si può andare a Porto e non visitare almeno una di queste cantine!

 C'è davvero l'imbarazzo della scelta, tra i tanti tour che ciascuna di queste ti propongono, a mio parere quasi tutti interessanti e validi, sebbene spesso molto turistici.
Alla fine io ho fatto la scelta forse più scontata ma anche a mio parere più completa, prendendo parte all'ultima visita guidata di giornata presso le Cantine Calem

20190406_173121jpg

Il tour, che inizia alle 18.30, si sviluppa in due parti. Durante la prima si è in compagnia di una guida, che spiega (in inglese) tutto quello che c'è da sapere sul Porto. Dalle sue origini, passando per le tecniche di produzione antiche e moderne, mostrando tutte le varie caratteristiche organolettiche dei vari tipi di vino. Perchè in realtà il Porto non è uno, ma ne esistono diverse tipologie, sia di rossi che di bianchi che di rosè.
La seconda parte della visita, che io ho trovato assolutamente emozionante, consiste in una degustazione di tue tipologie di vino, un bianco e un rosso, in un ampio salone, con la possibilità di assistere ad un meraviglioso spettacolo di Fado portoghese, della durata di 45 minuti circa.

20190406_190644jpg  

E' stata davvero bello degustare questi stupendi vini durante l' esibizione. Inoltre, sono riuscito ad accaparrarmi la primissima fila, e ho potuto godere di uno spettacolo assolutamente degno di nota. 

20190406_193820_Moment_Moment_Momentjpg

Questo tour completo costicchia, 21 euro, ma a mio avviso merita assolutamente. Esistono tuttavia altri tour più semplici e più economici durante tutto l'arco della giornata, alcuni anche con guida in italiano.

Uscito dalle cantine intorno alle 20, mi sono ritrovato immerso in uno scenario meraviglioso. Un tramonto mozzafiato, che ho ammirato passeggiando lungo la riva del fiume, solcato dalle antiche Rebelos, le imbarcazioni tradizionalmente adoperate per trasportare le botti di vino dai vigneti della regione interna fino in città, oggi utilizzate prevalentemente per minicrociere turistiche.

20190406_200333jpg

Sullo sfondo la coloratissima Ribeira e il Ponte Dom Luis I, ad incorniciare uno scenario romantico inaspettato.  

Sarei rimasto ad ammirarlo ancora a lungo, ma confesso che ho iniziato di li a poco a provare un leggero languorino! Sicchè mi sono diretto verso l'ostello, per una rapida rifrescata e un'oretta di relax, prima di cenare in uno dei tanti locali presenti lungo il fiume ai piedi della Ribeira. 

In zona c'è davvero l'imbarazzo della scelta, anche se trattasi di posti dove mangiare prettamente turistici. Mi sono ricreato con dell' ottimo risotto ai frutti di mare e un'insalata di polipo, oltre che di un buon bicchiere di vino bianco.

Ho fatto poi due passi nel quartiere universitario, in particolare lungo la Rua de Cãndido dos Reis e nelle vie limitrofe, dove la movida notturna è vivace e ben evidente; qui si trovano tanti locali notturni, club e discoteche di ogni genere. Ho bevuto un cocktail in uno dei bar per poi dirigermi in ostello. Stanco ma molto soddisfatto della giornata trascorsa, e curioso di continuare la mia visita l'indomani.

GIORNO 3. 7 APRILE 2019


MAPPA 5PNG

Il percorso della giornata

La giornata è stata ahimè caratterizzata da un'unica grande costante : la pioggia

Leggera ma continua fino a sera, mi ha accompagnato in questo mio ultimo giorno a Porto fino alla mia partenza.

Ciononostante sono riuscito comunque a godermi alcuni luoghi e aspetti della città interessanti, e a fare incontri inaspettati e molto piacevoli.
In mattinata, dopo una abbondante colazione presso il bar attiguo al mio ostello (decisamente più economico e alla mano del Cafè Majestic) ho visitato l'imponente Cattedrale. 

Essa sovrasta l'intero quartiere Ribeira, e sorge di fronte un'ampia piazza che è anche uno splendido punto panoramico sul fiume Duoro e sul quartiere Vila Nova de Gaia.

La cattedrale risulta subito molto caratteristica e particolare perchè fu costruita e ideata come una chiesa-fortezza. Presenta infatti delle mura imponenti simili a quelle di un  castello, e ha una struttura originale in stile romantico. 


20190407_120709jpg

Molto interessante è il chiostro interno, visitabile e ricchissimo di azulejos bianchi e azzurri, che attirano inevitabilmente l'attenzione di tutti i visitatori. 

20190407_121417jpg

Così lucenti e ricchi di scene storiche e immagini allegoriche, me li sono goduti uno ad uno, passeggiando lentamente sotto il porticato, durante un incessante diluvio.

20190407_124201jpg

Terminata questa stimolante e non breve visita, dato il clima inclemente, ho deciso di godermi un pranzetto portoghese con calma e fatto bene.
L'ideale era individuare un posticino carino ma non turistico, vero e autentico, dove poter davvero assaporare i sapori e le tradizioni culinarie portoghesi.
Come sono solito fare in queste situazioni, mi sono lasciato guidare dal mio istinto. Non ho voluto leggere recensioni su internet ne seguire la mia guida, ma mi sono lasciato travolgere dalle sensazioni e dagli odori percorrendo le viuzze della Ribeira, sotto il mio ombrello sempre più bagnato. 

Ed è stato così che sono capitato nell' Escondininho do Barredo. Un ristorante non ristorante. Incredibile.
Non può essere definito un ristorante. Non ha alcuna insegna fuori, non è minimamente segnalato all'esterno. Ma anche il termine trattoria secondo me è riduttivo.
Ci sono capitato perchè ho intravisto altri ragazzi varcare la soglia del locale,  una porta che sembrava essere l'ingresso di una comune casa del quartiere. Ho deciso cosi di entrare anche io, e mi sono ritrovato in un stanzone, con una cucina a vista molto semplice, una decina di panche e tavoli di legno, e in fondo un piccolo lavandino e un bagno per gli ospiti.

20190407_132843jpg

ristorante " Escondininho do Barredo"

Ad accogliermi Fernando, un personaggio incredibile. Un bonaccione alto e robusto, che parla solo portoghese (e tanto) ma capisce, non si sa come, ogni cosa che gli dici. Un vero showman.
Comprendendo che ero solo, mi ha invitato a sedermi dove volevo. Le panche erano quasi tutte occupate, e ho trovato posto in un tavolo dove erano seduti già due ragazzi, Caterina e Giulio. 

20190407_1601390jpg

in compagnia di Caterina, Giulio e del mitico Fernando

Lei fiorentina trapiantata a Venezia, lui veneziano doc, abbiamo praticamente pranzato insieme, condividendo i piatti e chiacchierando molto, e sono stati davvero di super compagnia. Successivamente si è unita a noi anche una coppia di ragazzi polacchi residenti a Londra, e dopo circa mezz'ora ci siamo trovati già al terzo o quarto brindisi. In un locale completamente fuori dalle righe, mangiando piatti che più tipici non si può. La cucina del ristorante è infatti nelle mani di due signore anzianotte, che ho poi scoperto essere le sorelle di Fernando, e che cucinano divinamente. MI è sembrato per lunghi tratti davvero di essere ospiti a casa loro. Molto bello. Proprio quello che avevo sperato di trovare e di vivere, anzi, forse anche di più.


20190407_134034jpg

Ho mangiato vari antipasti di pesce, tra cui sardine fritte, insalata di polpo, alici marinate, insalate miste, e successivamente come piatto principale un ottimo baccalà fritto, vera specialità della casa! Il menu è molto spartano ma da l'idea del cibo e della veracità degli ingredienti, tutti di qualità e deliziosi. E il prezzo è davvero super. Compreso di dolce al cioccolato squisito e di bun discreto caffè, ho speso 20 euro. Favoloso. Un locale davvero insolito e particolare, che consiglio decisamente.

20190407_142912jpg

Mentre pranzavamo, i ragazzi di Venezia mi hanno raccontato della loro breve visita avvenuta il giorno prima presso il faro de las Felgueiras, a ridosso dell'Oceano Atlantico, la meta che avevo in mente per il pomeriggio.

Dista una ventina di minuti dal centro della città con i mezzi pubblici, e nonostante il tempo abbastanza brutto ho deciso comunque di farci un salto dopo pranzo.

20190407_162837jpg

In particolare è molto suggestivo raggiungere la costa a bordo dello storico tram n.1, che dal centro arriva proprio fino in prossimità del faro.

20190407_163137jpg

lo storico Tram n.1, in viaggio verso l' Oceano Atlantico

E così ho fatto, arrivando proprio a ridosso dell'Oceano. Agitato e tempestoso, è stato comunque bello vederlo da vicino, nonostante il vento e la pioggerellina fastidiosa. 

Ho sostato una mezzoretta sotto un piccolo riparo di fortuna ad ammirare la potenza delle onde e lo svolazzare irregolare dei gabbiani, mentre la pioggia ha continuato a scendere giù senza sosta.

Ed è stato sorprendentemente rilassante e rigenerante. Molto appagato dall'aria fresca, dall'ottimo cibo gustato in precedenza, e dalle belle conoscenze fatte.

20190407_170444jpg

Mi sono sentito così appagato che non mi sono reso conto dell'orario, tant'è che ho rischiato di arrivare tardi in aeroporto, nonostante avessi un comodissimo volo di ritorno in Italia alle 8 di sera.

Il mio weekend a Porto si è concluso proprio lì, a due passi dall'Oceano Atlantico.


Probabilmente con un cielo più sereno e un clima più stabile avrei potuto visitare ancora meglio la città quel pomeriggio, ma ho apprezzato ugualmente molto il potermi fermare e godere dei piccoli momenti, pochi ma intensi, quali un bicchiere di vino in compagnia di ragazzi conosciuti cinque minuti prima, o semplicemente ammirando lo spettacolo del mare in tempesta.

Viaggiare significa anche questo. E Porto è anche questo, non solo chiese e monumenti.


IN BREVE


Una meta che vi consiglio quindi per tanti motivi, CINQUE in particolare.

1) la cultura :  non solo la cattedrale, librerie, chiese, torri, ma a sorprenderti sono soprattutto luoghi artistici inaspettati, come il Centro Portoghese della Fotografia, povero di turisti ma ricco, ricchissimo di tanto altro.

2) il vino :  impossibile non innamorarsi del Porto. Lo assaggi e riassaggi più e più volte durante il tuo soggiorno, ogni volta sorseggiandolo a piccole dosi, quasi per rispetto. E non ti stufa mai. Delizioso.

3) la natura :  dal suggestivo, oserei dire romantico fiume Duoro che attraversa la città, allo svolazzare continuo dei gabbiani di giorno e di notte. E viali alberati, inaspettati e ipnotici, in cui perdersi. 

4) i colori :  vista da uno dei panoramici "miradores", la città si mostra come un gigantesco caleidoscopio. La Ribeira, il centro storico della città Patrimonio dell'Unesco, è un turbinio di sfumature tumultuoso, impressionante. E a fare da cornice ci sono sempre i bellissimi e bluissimi azulejos, le piastrelle di ceramica che ti accompagnano ovunque tu vada. 

5) le persone : dalla nonnina con cui ho condiviso il mio primo pasto portoghese al mitico Fernando, protagonista del mio pranzo domenicale, e in generale tutti gli autoctoni a cui ho chiesto informazioni per strada o nei locali. In particolare con i primi due son riuscito poco a comunicare a parole, ma ciononostante ci siamo capiti alla perfezione, grazie alla gentilezza, la simpatia e la calorosità che loro hanno saputo trasmettermi. 


20190406_175130jpg


- Il Mondo Attraverso -