L' "ITALIA ATTRAVERSO" : da Torino in giro per l'Italia con una e-bike



COS'E' L' "ITALIA ATTRAVERSO"?

L' "Italia Attraverso" è un viaggio che ho nella mia testa da tempo.

Molto ambizioso e complesso per me, che non sono nè un ciclista nè tantomeno un atleta, ma allo stesso tempo affascinante e speciale.

Un viaggio che sto progettando silente da mesi, e che spero di riuscire a realizzare finalmente questa Estate.

Non sarà un normale tour itinerante nel Bel Paese.

A differenza dei soliti "on the road", avverrà con un mezzo di trasporto a me semisconosciuto fino ad un anno fa, entrato un po' per caso nella mia vita e che mi sta pian piano conquistando : la BICICLETTA ELETTRICA.

So che molti ciclisti ora storceranno un po' il naso, convinti sostenitori della bella e gloriosa bicicletta tradizionale :D

Ma lasciatemi spiegare.



L'IDEA

L'e-bike è un tipo di bicicletta che presenta al suo interno un piccolo motorino elettrico il quale, all'occorrenza, fornisce un sostegno durante la pedalata.
Un mezzo ancora poco utilizzato in Italia, per tanti motivi. Il primo è sicuramente una mancanza di una rete stradale adeguata, problema generale che riguarda un po' tutto il panorama ciclabile italiano.

A mio parere però, la bicicletta, uno dei mezzi di trasporto più antichi, paradossalmente può e deve rappresentare il FUTURO, per tutti noi.

A partire dal trasporto urbano nelle grandi città, sempre più soffocate dallo smog e dal traffico.

Ad oggi i livelli di INQUINAMENTO dell'aria sono davvero allarmanti, e la situazione sta diventando sempre più insostenibile.

Io che vivo a Torino, una città bellissima ma ahimè anche una delle più inquinate d'Italia, ne so qualcosa. E sono certo che questo grigio argomento riguardi da vicino anche molti di voi residenti in altri grandi centri.

Ciò che ancora MANCA nel nostro Paese è una CULTURA DELLA BICICLETTA come oggetto di uso quotidiano, ben presente invece in tanti altri stati Europei. Basta farsi un giro anche solo in Francia o in uno qualsiasi dei Paesi del Nord Europa per rendersene conto.

L'idea della bicicletta come mezzo di trasporto per recarsi tutti i giorni al lavoro, andare a fare la spesa, o perchè no, andare in vacanza, fa ancora tanta fatica ad affermarsi, lontana anni luce dalle nostre abitudini.

Io stesso non sono ancora riuscito a farla mia, principalmente perchè vinto dalla PIGRIZIA e dalla comodità, dal timore e sopratutto dall' IGNORANZA.

Educare una popolazione a modificare le proprie abitudini in favore di una migliore qualità di vita, salvaguardando l'ambiente in cui si vive, rappresenta un processo lungo, che non si può pretendere di attuare dall'oggi al domani.

Quello che però si può fare nell'immediato è SEMINARE, lanciare dei messaggi e degli esempi concreti, che, se ben indirizzati, possono col tempo davvero fare la differenza.

Da questi miei pensieri, e grazie all'esempio di altri (tanti) CICLOVIAGGIATORI incontrati durante questo ultimo anno, a volte un po' per caso, vera fonte di ispirazione per me e che non ringrazierò mai abbastanza, nasce l'idea di questo viaggio.

Nel tentativo di smettere di essere pigro e ignorante, di uscire dalla mia "comfort zone" e cercare davvero di vivere un'esperienza significativa, per me, per gli altri, e nel rispetto dell'AMBIENTE.

67474575_512589822879612_7137399372869795840_njpg


PERCHE' UNA E-BIKE?

La scelta specifica di preferire una e-bike ad una bicicletta tradizionale è dovuta principalmente a TRE MOTIVI.

Il primo è essenzialmente PSICOLOGICO, legato alla mia inesperienza e ai piccoli-grandi timori che ho nell'affrontare questa avventura, inutile nasconderli.
Lo dico francamente : il sapere di essere "assistito" mi dona una sorta di sicurezza inconscia, che già so essere solo apparente, ma che mi sta aiutando ad affrontare questa sfida con più coraggio e più serenità.

Il secondo motivo è una conseguenza del primo, ma riguarda più il mio FISICO.
Ho da tempo piccoli problemi legati alla schiena, assolutamente non gravi ma che con un "aiuto" tecnico spero verranno attutiti il più possibile. Sopratutto nella mia testa.

E il terzo, forse il più importante di tutti, è legato proprio a quel MESSAGGIO e a quell'esempio di cui parlavo prima.
Salire in sella ad una bicicletta per intraprendere un viaggio, corto o lungo che sia, non è decisamente una idea tipica del cosiddetto "turista medio".
Grazie però al sostegno della pedalata assistita, anche chi non è allenato e anche chi non è più giovanissimo può provare a farlo.

Ricordo ancora la prima volta che ho provato a pedalare con una e-bike, qualche mese fa. Io stesso non volevo credere alla facilità di pedalata, nonchè alla sua EFFICIENZA e, particolare non di poco conto, al DIVERTIMENTO che si prova nell'usarla.

Se anche solo una persona,seguendo il mio viaggio, ne sarà incuriosita e deciderà di provarla, avrò già raggiunto un piccolo ma grande obiettivo.



IL VIAGGIO COME PERCORSO, NON COME META

L' "Italia Attraverso" è un VIAGGIO, il mio viaggio.

Una SFIDA con me stesso, desideroso di compiere un'esperienza che sono sicuro mi rimarrà dentro per sempre.

Sono sempre stato abituato a pianificare i miei viaggi fin nei minimi dettagli.

Qualche volta ho provato ad improvvisare, e anche con discreti risultati, ma sempre con la sensazione di non essere davvero soddisfatto.

Soprattutto ultimamente, ho sempre percepito che ai miei viaggi mancasse qualcosa.

Bei posti, belle giornate, ma mancava qualcosa.

Recentemente però il destino ha deciso di farmi conoscere dei viaggiatori straordinari, incredibilmente condensati tutti in questo ultimo mio anno.

Mi hanno ispirato tantissimo, e grazie a loro ho intuito cosa mi mancava : vivermi il cammino, il percorso, più che la meta finale di un viaggio.

Smetterla di preoccuparmi di visitare più attrazioni possibili in un weekend. Smetterla di avere fretta.

L'esigenza di partire e di scoprire, giorno per giorno, lentamente. Passo dopo passo.

E in questo caso specifico, pedalata dopo pedalata.



UN VIAGGIO DA CONDIVIDERE

Ma l' "Italia Attraverso" è anche sopratutto una IDEA che vorrei CONDIVIDERE.

Il mio desiderio è quello di incuriosire e coinvolgere più persone possibili in questo mio percorso : chiunque voglia seguirmi, sostenermi, darmi una mano, ospitarmi, ma sopratutto ACCOMPAGNARMI.

Anche solo per una tappa o per un breve tratto di pochi chilometri. Con una qualunque bicicletta o un qualunque altro mezzo di trasporto "green" a disposizione.

Per dimostrare come un viaggio del genere, all'apparenza difficile per persone comuni e non allenate come me possa essere in realtà alla portata di tanti.

Low cost, DIVERTENTE, salutare e rispettoso dell'ambiente.



QUANDO PARTIRO' ? CHE GIRO FARO'?

Partirò il 3 AGOSTO 2019 da Torino e scenderò giù verso il Sud Italia, esplorando la zona del Monferrato, attraversando l'Emilia Romagna, costeggiando il mar Adriatico...e poi chissà, vedremo. Fin dove il mio fisico, il mio spirito e sopratutto la mia testa mi porteranno, senza troppi vincoli o imposizioni.

L'unico vincolo vero che ho è purtroppo la durata : massimo UN MESE, più verosimilmente tre settimane.

Confido di arrivare fino in ABRUZZO, la mia regione, ma spero di spingermi ancora più a Sud, senza escludermi niente a priori ma senza neanche troppe aspettative, data la mia inesperienza.

Questa è la mia linea guida.
Non prevedo grandi stravolgimenti, ma piccole variazioni si, quelle saranno tante e inevitabili e credo all'ordine del giorno.
So già che le varie tappe cambieranno forma e data diverse volte, da oggi fino al giorno della partenza e anche in corso d'opera. Modifiche relative agli alloggi, ad imprevisti di varia natura, alle condizioni meteo, ai problemi fisici del sottoscritto, e così via.

Non escludo di coprire qualche tratto del percorso in TRENO se sarà strettamente necessario (e sempre se sarà possibile : il trasporto di biciclette sui treni è ancora estremamente inefficiente in Italia, un aspetto che sarà interessante verificare ed approfondire).

Ma il bello di questa tipologia di viaggio è anche questo : l'IMPREVEDIBILITA', che in questo caso però fa rima con LIBERTA'.

Prevedo pernottamenti sia in campeggi attrezzati che in città, sfruttando il più possibile canali come COUCHSURFING e WARMSHOWERS, confidando nella ospitalità e nella generosità di persone del posto e di chiunque voglia accogliermi, ma senza alcun tipo di pretesa.



COME SEGUIRMI?

Con cadenza spero giornaliera, in generale appena potrò, pubblicherò foto, video e storie raccontando il mio viaggio, qui nel mio blog e sopratutto attraverso i miei vari CANALI SOCIAL (pagina facebook, instagram e canale youtube) e vi aggiornerò sulle variazioni e sugli sviluppi.

Questo semmai decideste di unirvi a me, o anche solo se vi venisse voglia di incontrarmi lungo il mio percorso, per scambiare due chiacchiere, berci un caffè insieme e conoscerci.
E Perchè no, farvi provare la bici!

Per CONDIVIDERE DAVVERO un' esperienza INSIEME.

Ne sarei davvero felice.



ALLORA, CHE NE DITE? FACCIAMO UN GIRO?

20190724_201730jpg