IL MIO VIAGGIO IN ISLANDA - EPISODIO 2 : L'OCCASIONE 


Torino, 9 Novembre 2017.

   

Una giornata lavorativa come tante altre.

Ricordo che faceva freddino nel mio ufficio; ero letteralmente sommerso da un mucchio di documenti e scartoffie da archiviare e catalogare, ma emotivamente e con la testa presissimo da quello che da li a due mesi sarebbe accaduto : un viaggio meraviglioso in Giordania con gli amici di una vita.

Erano giorni frenetici ed estremamente dinamici da un punto di vista organizzativo; io e la mia amica Francesca, "malata wanderlust" tanto quanto me, non facevamo altro che aggiornarci su whatsapp e scambiarci idee e nuovi spunti per migliorare il nostro già eccellente itinerario, da poi proporre agli altri componenti del gruppo. E parallelamente eravamo in costante contatto con Sultan, la nostra guida locale giordana che conobbi per caso in un forum dedicato su internet.

Insomma, ero davvero entusiasta. Ma questa è un’altra storia…

Proprio nel ben mezzo di tutto questo marasma, in tarda mattinata di venerdi 9 novembre, accadde l’impensabile.

Vidi il mio cellulare improvvisamente illuminarsi con una notifica di messenger. ”Che strano - pensai - di solito mi scrivono quasi tutti su whatsapp ormai, o al massimo su instagram”. La lasciai perdere e tornai alle mie scartoffie.

Tempo trenta secondi, altra notifica. Altri trenta , un’ altra ancora.

Mi decisi a controllare. Era Manu.

Primo messaggio : “Ciao Sa, guarda qua”.

Secondo messaggio : link che mi collegava al sito della compagnia aerea easyjet, che però, non so per quale motivo, non riuscivo ad aprire.

Terzo messaggio : “secondo me è un’occasione da cogliere al volo!”.

Mi fermai, fissando il cellulare e rileggendo i messaggi.

“Manu, non riesco ad aprire il link, di che si tratta?” risposi velocemente.

“Sono uscite nuove offerte sui voli per la stagione estiva 2018. Ci sono voli Londra-Reykjavik a 90 euro! Che facciamo? Prenotiamo??” scrisse Manu.

Chi? Che? Cosa? Rey-cosa? 90 che?????

La mia testa immediatamente mi riportò a quel pomeriggio di fine Agosto, a quel caffè tiepido, a quel sole bollente, e a quel sogno che si chiamava Islanda. Che forse, tanto impossibile non era più.

“Oddio ma serio??? Cioè non so perchè cavolo non mi si apre sto cavolo di link, aspè vado direttamente sul sito della compagnia…non posso crederci. Possiamo risentirci in pausa pranzo? Tanto stacco tra un’oretta…cosa vuoi che cambi…no ok, facciamo che vado in bagno un attimo e mi collego al sito”.

E in effetti l’offerta era bella che servita : volo diretto Londra Luton-Reykjavik ad Agosto a 89 euro, andata e ritorno.

Ciò che segue è il dialogo che intrapresi direttamente con me stesso, mentre dal bagno tornavo alla mia postazione in ufficio.

Silenzio.

“Ma mancano 9 mesi”.

Silenzio.

“E se poi l’offerta finisce? Come si fa a farsi sfuggire un’offerta del genere”.

Silenzio.

“Ma non ho la testa ora per pensarci, voglio dire, sto troppo on-focus sulla Giordania, è già bella impegnativa quella, ok che alla fine non stiamo spendendo molto in Giordania, grazie alla nostra straordinaria macchina organizzativa, ma non c’ho proprio testa per pensare ora all’Islanda”.

Doppio silenzio.

“E se poi te ne penti? Anzi, sai già che te ne pentirai sicuramente. Pensaci, sai in cuor tuo che sarà cosi. Ottantanove euro. Ti fai tra cene fuori in meno nei prossimi mesi e hai ben che ammortizzato. Dai…”

“Ok, ma bisogna aggiungere un volo da Torino a Londra, ottantanove euro non è la cifra del volo completo”.

“Stiamo parlando di un viaggio che ci sarà tra 9 mesi. Vuoi non trovare un volo economico per Londra con tutto questo anticipo?”

E in effetti già c’erano diverse soluzioni da Torino a Londra. Addirittura senza dover cambiare poi aeroporto in città, un Torino- Londra Luton comodissimo il giorno prima. ”Poi magari mi faccio un pernottamento a Londra al ritorno, o anche all’andata…un paio di giorni a Londra ci stanno sempre, è meravigliosa e non ci torno da tanti anni…” continuando con me stesso.

Vibrò di nuovo il cellulare.

“Ripeto, secondo me è un’offerta molto vantaggiosa. Pensaci, con 150euro scarsi a/r andiamo e torniamo” scrisse nuovamente Manu.

Leggevo e rileggevo la conversazione. Aveva ragione. Aveva ragione su tutto. Anche questa volta.

“Si…è davvero una vera occasione, non c’è che dire”.

“Sa…prenotiamo!”

E li, il mio istinto ebbe il sopravvento. Vinto dalla sua solita voglia di prendermi per mano e partire. Sempre e comunque.

“Manu…prenotiamo!”

Niente di più naturale e semplice.

Dieci minuti dopo, Manu mi inviò una mail. Partenza il 6 Agosto da Londra e rientro il 15 Agosto, sempre a Londra; nove giorni pieni.

Il biglietto era stato acquistato.

Un volo a/r per l’ Islanda : tanto sognata e desiderata, da quel momento non era più semplice immaginazione.

Iniziò da li un lungo periodo fatto di studio, organizzazione, panificazione, ricerche, attese.

L’ intero periodo che precede la partenza vera e propria è per me ogni volta  fondamentale e imprescindibile, mi piace e mi appassiona, sempre. Importante quasi quanto il viaggio in senso stretto del termine.

La verità è che ogni volta che viaggi lo fai in realtà tre volte : prima di partire, quando sogni e progetti; durante, quando vivi e respiri ogni attimo, assapori ogni luogo e ogni cosa; e infine, una volta rientrato a casa, quando i pensieri e i ricordi si fissano dentro di te, insieme a  tutto quello che il viaggio ti ha donato e insegnato.

Per sempre.

Il 9 Novembre 2017, 9 mesi prima della partenza, il nostro viaggio in Islanda di 9 giorni era già definitivamente iniziato.



20645338_10159237198395594_4165854541959446932_ojpg

- Il Mondo Attraverso -